Carpe diem.. 30 settembre 2005 – Posted in: splinder – Tags:

Poco fa ho letto uno dei miei vecchi post, in cui non mi lamentavo della mia vita per una volta (strano eh?), bensì mi vantavo di avere molti amici stretti..
Ho riletto quei nomi.. e nemmeno uno tra i tanti è oramai considerato stretto.. forse per colpa mia, forse per colpa loro..

Mi accorgo giorno dopo giorno che l’amicizia non mi basta per riempire il cuore.. no, non mi basta..
Io cerco qualcosa di diverso, di speciale.. qualcosa che mai ho avuto e che forse mai sarò in grado di avere.

Diamine.. anni fa avrei venduto l’animo per essere così come sono..
Anni fa, dalla mia timidezza infinita, oramai nascosta, avrei dato mille e mille ceffoni a qualsiasi ragazzo che, pur permettendoselo, avrebbe sprecato occasioni a me care..  davvero care.

Sono cambiato da quando ero piccino.. ma non su tutto. Molti mi dicevano che se fossi nato estroverso e "play-boy" sarei stato diverso.. sarei stato come lo stereotipo maschile che sempre non ho sopportato..
Quei molti hanno ragione, io sono così come sono solo perchè ho vissuto determinate esperienze, solo perchè un dì io nacqui sotto il nome di Leandro, figlio di due persone… ereditiero dei loro pregi e difetti.

Non è sempre bello voltarsi indietro e vedere che il tuo mondo è del tutto diverso dal quello che c’era in passato..
Non è sempre bello vedere che i difetti del passato sono stati spazzati dal tempo.. anche perchè il tempo spazza via anche i pregi.
Non è bello.. come non è bello piangersi addoso.. e per questo ogni mattina sorrido a me stesso cercando di ripetermi più volte possibile "Carpe Diem".. cosa che mi riesce bene.. e cosa che faccio qualche volta.. ma non spesso.
L’attimo si deve cogliere.. è vero.
Ma quando immagini l’attimo da giorni e giorni.. è impossibile coglierlo.. ecco il difetto mio, programmo tutto, immagino troppo, fantastico su quello che devo dire senza pensare che facendo ciò comprometterò la sola occasione che avevo per dire quelle parole..

Anche oggi mi sono sfogato.. da tanto che non scrivevo sul blog.. era propio ora di riprendere una tradizione che in passato mi ha aiutato molto.
Nemus

« Delirio di mezzanotte
Sono stanco di donare confidenza a chi non ti pensa.. »