E si ricomincia da qui.. 12 febbraio 2006 – Posted in: splinder – Tags:

Ehi, blog.
Come va oggi?
Si lo so, è il secondo post della giornata ma oggi me lo concedo!
Ti starai domandando il perchè.. beh, per un motivo davvero semplice.
Oggi finalmente ho ammesso e dichiarato ciò che sentivo ad una delle ragazze verso cui provo qualcosa..
Perchè una delle?
Beh, lo sai meglio di me.. ogni giorno mi innamoro di qualcuno.. anche se avvolte il tutto dura pochi giorni, anche se stavolta è durato un qualche mese in più.

Come sto?
Mi sento meglio, si, molto meglio.
Sorrido, oggi sorrido dopo tanto tempo..
oggi il mio cuore batte forte e rigoroso.. la mano che lo attanagliava è sparita.
E giuro.. mi sento una persona nuova.

Si lo so, oggi ero depresso e.. si, stavo male.
Lo ammetto, non sono del tutto felice.. è un pò come la febbre, ti passa però gli acciacchi te li porti dietro per qualche giorno.
Così è l’amore…sai che è smesso però per scivolarti addosso ci mette tempo.. e il ricordo è indelebile.

Oggi, son salito su quella vetta maledetta tutto d’un fiato e mi ci son buttato..
"Banzaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaiiiiiiiiiiiiiii!!!!!!!!!! "
Ho gridato.. senza paura mi son lanciato e… giuro sulla mia vita che per poco si spezzava giorni addietro, mi son sentito vivo.

L’amore sgorgava nelle mie vene a tutta birra come dei cavalli liberi per le praterie erbose…

Ora eccomi qui blog, col mio zaino pieno di esperienze e con la mia vita e il mio cuore, motore di questa macchina chiamata vita.

Sai cosa ho sognato pochi minuti fa? Non una donna.. lo giuro, non Lei.

Io, un borsone sulle spalle e la mia moto..
Sotto ai piedi una strada infinita piena di curve e rettilinei..
E una voglia di mettermi in cammino enorme..
Il motore romba ad ogni accelerata.. eccomi, son pronto.

Frizione, prima, accelera.. togli frizione e…

Via………….


Ecco, o futuro, sono salito in sella al tuo cavallo.
Quali nuovi stendardi mi levi incontro dai pennoni di città non ancora fondate?
Quali fiumi di devastazione dai castelli di giardini che amavo?
Quali impreviste età dell’oro prepari,
tu, malpadroneggiato,
tu, furiero di tesori pagati a caro prezzo,
tu, unico regno da conquistare.
Tu, Futuro….

« E ci sto male..male da morire.
E rietro in quel tunnel buio a passo lento.. »