Notturno.. 8 giugno 2006 – Posted in: splinder – Tags:

E non so perchè alla fine mi ritrovo sempre qui..
Seduto in riva a un fosso, come sempre.. ed io sinceramente inizio ad odiare il sempre.

 

Preferirei un’altra illusione alla realtà..

Perchè ho paura.. una paura fottuta di guardare in faccia alla realtà..
Ancora una volta..
Si, ancora una volta

Non voglio chiudere i miei occhi
non voglio addormentarmi .
Non voglio rimpiangere un sorriso
voglio solo star con lei.. adesso, ne ho un bisogno immenso.

E perchè tu sei la mia lente con cui  guardo nel futuro per capire dove andrei.
E perchè tu sei il soggetto su cui scrivo questo diario..
E che vorrei continuare a scrivere con te..

Dove sei? Dimmelo e inizierò a correr ancor più.. per averti, per amarti..

E vorrei tanto poter dire di smetterla qui con queste ricerche, di non volerti più ma.. io non posso.
Sono così.. sono per te o forse mi piace soffrire.

Ho imparato a sognare quando inizi a scoprire che ogni sogno ti porta più in là..
Ma se per andare avanti devo sempre e solo soffrire allora no.. per favore, fammi morire.

Non so a chi dir ciò che sento.. però è così.
Non pregherò di certo, ma in fondo ci spero e ci credo in un futuro migliore.
Ma se questo non dovesse arrivare, e ne ho paura.. tanta, allora preferirei morire.

Che caos..

Caos dappertutto, in questo post, nella mia mente.. nel mio cuore.

Scrivo, freneticamente, senza saper cosa e come lo faccio.
Scrivo e basta..

Perchè stavolta non sono io il problema, non sono io quello che non ci ha provato.
Dicono sia un istinto naturale sbattere le ali per volare.
Alla nostra vita manca slo il coraggio di alzarsi in volo…

Ed io questo coraggio ce l’ho, ma in volo non posso librarmi da solo.. e allora sono costretto ad aspettare, a star così..
A sentirmi una merda
A sentirmi un cretino
A sentirmi un fallito

Molto probabilmente sono solo uno che non si accontenta.. aspetto invano qui, in riva a questo fosso, ripetendomi che se sotto il cielo c’è qualcosa di speciale, passerà di qui prima o poi…

E ti amo ti amo da sempre anche se ti conosco da un giorno,
come un Africa che si riempie di falò sotto un cielo notturno.

« .. a mio padre..
Leandro.. »