Io non sono come te… 21 Apr 2008 – Posted in: splinder – Tags: ,

... abbracciarsi le ginocchia

E’ affascinante la vita.

E tu, lo sai?

Ho capito solo che la rabbia non aiuta mai.
E che credere nelle cose dà la possibilità di avverarle, si, ma ti fa andare avanti.
A volte è semplicemente quello che serve, andare avanti dico…

Staserà c’è qualcosa qui.
C’è che forse ho troppe cose da dire ma che non escon fuori.
C’è che sento ancora l’eco di una tristezza durata 5 anni.

5 anni…

Non facevo altro che abbracciare le mie ginocchia, stringerle forte…
Fortemente a me.
A me stesso.
Solo a me stesso.

E non rischiavo per niente al mondo.
Chiudevo gli occhi e crescevo così, con un’immagine stampata nel cuore e una negli occhi.
Con quel profumo di vita che veniva da lontano…

Un profumo dolce e profondo.
Un profumo che sapeva di morte e d’amore, di amicizia e di odio…
Ma che importa?
Era un profumo dolcissimo.

Allora un giorno mi sono deciso.
Ormai cresciuto abbstanza mi sono alzato da quell’angolo caldo e protettivo.

Lo sai tu che basta alzarsi per vedere il mondo totalmente diverso?
Persino una formica sembra spaventosa se vista da vicino…

Io la merda del mondo la vedevo da vicino.
E da terra, credimi, se ne vede di merda.

Allora mi sono alzato.
Un istante è bastato, uno solo, e *vrum*…
Un pò ti gira la testa, all’inizio, quando la luce ti acceca e l’odore di aria senza polvere ti riempie i polmoni.
Ma poi ti ci abitui…

Basta poco.

Non è affatto difficile.

Forse mi sto abituando a ridere.
Quella risata che si è spenta un giorno insieme alla luce di una vita nel pieno della sua giovinezza.

Vorrei urlare forte al cielo, sai?

Non è mai troppo tardi per la vita, questo l’ho capito.
Finalmente l’ho capito.

M
i

e
r
o

p
e
r
s
o

m
a

m
i

s
o
n
o

r
i
t
r
o
v
a
t
o
!
Leandro, sono felice per te.

« …paris
…stanotte »