Altro che Dio… 3 novembre 2009 – Posted in: splinder – Tags:

La vita va avanti per tutti,
i cuori sghiacciano e riprendono ad amare.
I bambini fanno le loro esperienze, da una caramella all’amore.
E non son più bambini, poi.

Le ragazzine diventano donne,
le città diventano deserte,
i ricchi son carcerati e i poveri son disgraziati, più di prima insomma.

E’ la vita, ed il tempo passa inesorabile per tutti.
Da anni che scrivo qui, ed il tempo passa anche per me che mi diverto a guardare gli altri ma, forse, mai realmente me stesso.

Io guardo il mondo da un oblò, e non me ne vergogno affatto.
Poche volte ho voglia di uscire dalla porticina di questo dirigibile e, lentamente, calarmi sulla terra.
Amo osservarvi tutti, minuscole formiche piene di vita.
Diamine se è stancante osservarvi.
Immagina Dio, che vi guarda tutti, anche se dormite o andare in giro.

Io, per esempio, quello liggiù non lo guarderei mai fare l’amore.
Ma son punti di vista.
E lui è Dio, siam tutti suoi figli… dicono.

Intanto io osservo voi, Lui faccia ciò che vuole.

Ma sto decidendo di sporcarmi più spesso col fango in cui sguazzate.
Dicono sia divertente, e allora lo farò.

Ho deciso di sporcarmi, davvero.
Inizia con le mani, guardate…
Visto? SOn piene di fango.. ed ora lo passo sul volto.
Visto?

Basta promesse infntili, basta pensieri superiori…

Io mi sporco di fango, come voi, e questa è una vita.
Normale, ma degna a suo modo.

Portate la notizia lassù in cielo, questo è paradiso.

« Petrolio.
La certezza… »