Vivere è una follia… 18 novembre 2009 – Posted in: splinder – Tags:

Parla chiaro.
Fatti capire.
Se vuoi arrivare agli altri sii sincero.
Rapido e sincero, fai in modo che ogni parola sia una stoccata mortale.
Lingua velenosa, mente acuta.
 
Un ‘ti amo’ non sarebbe importante quanto lo è se detto in mille parole.

Ma quando capisci che non serve?

Se non serve non lo fai,
scrivi parole con merletti.
Belle da vedere e da indossare.
Le parole si indossano, sai?

E ci sono persone che lo sanno fare in un modo fantastico.
Tutti sanno bere il the con il mignolo alzati, pochi lo alzano anche quando si scaccolano.
C’è chi le briciole di pane le lascia tutte disordinate,e diverse una dall’altra.
Tozze, grandi, piccine.

C’è chi le ordina ben bene.
Le briciole ache messe in fila rimangono briciole, però almeno ci si può giocare e contarle.

A volte capita di smettere di ordinarle.
La ferita da cui escono i pensieri si rimargina ma, tempo al tempo, ritorna il bisogno di farne uscire qualcuno.
Non puoi aprire il buco della tua mente così, dovresti toglier via la crosticina.
Fa piu male vivere la merda o aprire la fossa biologica?

Fa male tutto, e la fossa biologica fa anche paura.
Però è merda tua, schifosamente tua.
Ci si sguazza dentro con meno disgusto, per quanto faccia schifo questa metafora.

Chi non ha poi paura di ciò che potrà incontrare sulla propria strada?
Si rischia di andare incontro alla fine, a volte.
Se però ho l’appuntamento con l’apocalisse, beh, tanto vale godermi i fuochi.
Ma è facile a dirsi.
Io ho sempre gli occhi chiusi
Da piccolo dormivo col volto al muro.
Pensavo:
Dovesse venire un ladro ad uccidermi almeno non avrò paura e morirò senza vedere.

Ma si paga tutto a questo mondo.
E il pià delle volte per paura di pagare non si vive.
Come dire, insomma, di aver paura di sapere la verità.
Quanto può far male la verità?
Forse meno della paura, forse può sfinirci.
Chi lo sa?

Alcuni hanno persino paura delle donne.
La donna è bella anche perchè viene piegata dalla vita ma no si spezza.
Noi, uomini o ragazzini, sappiamo solo cadere.
Non piegarci, non spezzarci, cadere.

« L’autunno ha il sapore dell’amore…
La mia pelle si ribella… »