Ho voglia di restare qui con me… 24 Nov 2009 – Posted in: Leandro.

 

 

Arrivò un giorno il secondino,
infilò la chiave nella serratura e con un colpo deciso la girò verso sinistra.
Sinistra, la serratura si apre girando verso sinistra.
Qui, in carcere, non c’è modo di salvarsi se non ci si abbandona alle ossessioni.
La mia, lo ammetto, è quella di fuggire da questo inferno.

Ogni giorno cerco qualcosa da aggiungere al mio piano.

675 giorni.
Seicentosettantacinque cose da sapere per andare a fanculo da qui.
Sono pazzo? Forse si, ma un giorno sarò anche libero.

Scoppia la polvere ovunque,
in fuochi artificiali di un solo colore,
i raggi del sole filtrano lo schifo che svolazza un pò qui e un pò lì,
tra il materasso ed il cuscino, le lenzuola ed il mio naso.

Occhi rossi e palpebre stanche,
merda ti topo ovunque,
capelli arruffati,
calzini persi nel grande mare delle lenzuola colto da improvvise e deleterie tempeste notturne di calci.

E dall’alto qualcosa scenderà, un giorno.
Un misto di ricordi, luce azzurrina, e alcool.
Alcool.
Come se il futuro fosse puzzo di piscio e risate.
Alcool.
Come se il futuro fosse privo di pensieri cattivi.

Mi manca l’alcool in questo schifo.
Tequila, per favore.
Signorina, mi dia una tequila.. anzi, due.


"Idiota di un Jonas, parli ancora da solo?"

Signorina, la prego.. me la dia in fretta, sta arrivando.

"Ehi, parlo con te, Jonas! Rispondimi o entro dentro e…"

La prego… tequila signorina.

Ogni giorno, o quasi, ricevevo la mia punizione per pochi minuti di vita.
Ma ci sono abituato a prenderle.
Da bambino che, quando la vita non mi va giù, chiudo gli occhi e vado via.
"Un trucco da poveri, ma funziona sempre."

Così lo chiamava il vecchio Jack, sulla collina.
Anche lui lo faceva ogni tanto, seduto sulla sua sedia a dondolo.
Un giorno, però, decise di rimanerci in quel mondo.

Ma io non mi farò rinchiudere in un manicomio.
Io… scapperò da qui.


"Fottuto Jonas, ti farò passare la voglia di fare il pazzo…"

I topi scappano, lo fanno sempre quando sentono le urla.
Forse, anche loro che sono topi, avrebbero un pò di pietà… o almeno ribrezzo per i grumi di sangue.
Ma è la mia pena, la sconto finchè posso.

Finchè non esco.

 

« L’amore
L’autunno ha il sapore dell’amore… »