Rinascere 3 aprile 2010 – Posted in: splinder – Tags:

Passa veloce questo tempo, come passiamo veloci noi.
C'erano giorni accompagnati da dolci note, una per ogni battito di cuore.
Ed avevamo la forza di respirare l'aria gelida del mattina, cacciar la lingua alla neve che rapida si scioglieva.
Guardavamoil sole per poi gustarci le macchie di luce, aspettavamo la pioggia per poter sentire l'odore della polvere.
Attendevamo l'estate con impazienza per poi volere l'autunno.
Abbiamo atteso i nostri anni, uno dopo l'altro, ogni volta con una meta diversa.
E non ci bastava mai nulla, nè un'auto che ci portasse lontano nè una nuova città che ci facesse aprire nuove porte.
Nulla.

C'era poesia nel calore di un temosifone appena acceso, in lenzuola fredde da scaldare col il proprio respiro.
C'era magia.
La magia di un natale appena arrivato con le sue tante luci colorate, con le carte da regalo ed i biglietti di auguri.
La magia di un nuovo giorno da vivere tutto, dalla prima all'ultima ora, accanto a te.
C'era la poesia, ugualmente ora, ma avevamo gli occhi aperti.

Ma li sto per riaprire, davvero.
I giorni passano e con questi anche io.

Imparo di nuovo a respirare, prima di tutto respirare.
Che quest'aria mia dia forze ed energia, che il mondo mi faccia nascere ancora una volta.

Imparo di nuovo ad urlare.
Devo capire cosa vuole questo cuore che batte un ritmo non mio,ormai.
Capirlo e urlare a tutti, prima di tutto me stesso, cosa voglio.

Devo.. devo…

Devo rinascere.

« Paris
Spegnermi. »