Loro, semplicemente, credono. 29 maggio 2010 – Posted in: splinder – Tags:

Ognuno ha il suo modo di urlare,
ognuno il suo modo di guardare.
Non importa come si fa,
l'importante è passare il confine dell'attenzione.

E bisogna avere fede.
Tanta fede.

Bisogna credere nel sole del mattino e nell'odore di pioggia quando ci sono nuvole scure.
Credere nel proprio respiro, nel colore dei propri occhi e nel calore della propria pelle.
Negli sguardi di un padre, nelle carezze di una madre.
Senza smettere mai, nemmeno una sosta.

E non basta ripetere il proprio credo ogni mattino, non basta nemmeno di sera.
È un peso da sentire dentro, leggero come l'aria di mare, che sa di speranza e dolce cullare.
Come onde di un andare e venire infinito, instancabili, leggere.
Che ci sia il sole cocente o il maremoto, loro non smettono.

Loro
Semplicemente
Credono.

« Dimmi. .
Delitti di tempo. . . »