Dormire per sempre… 14 ottobre 2010 – Posted in: splinder – Tags:

E si raggomitolò in quel suo angolo come ogni sera,
come a volere quel calore che non aveva,
chiudeva gli occhi per entrare nel suo mondo che ormai girava a vuoto senza stelle nè luna,
– Servirebbe un collo come quello dell'infermiera Lilly per andare avanti, vero james? –

E' lì ormai nel suo piccolo mondo a darci dentro con sogni e aspirazioni,
il centro di una vita inventata,
alla ricerca di quella pace che non ha di certo qui, tra noi normali.
I pazzi come lui sono solo delle persone furbe che hanno trovato il mondo perfetto e, ingorde, lo vivono,
drogati di quella felicità.
Felicità fasulla ma che, in un modo o nell'altro, li salva.
E loro rifugiati di guerra, rifugiati dalla vera vita, altro non chiedono che questo: Essere salvati.

Una volta glielo chiesi a quel pazzo fottuto di james cosa ci fosse in quel suo mondo di tanto bello.
E lui mi rispose.

Disse che era un bel posto, le strade sapevano di caramello caldo e le curve avevano la linea del bacino di Laura, una sua vecchia fiamma.
Ed il collo dell'infermiera, oh quel maledetto collo, era il profilo di tante montagne lì vicino al mare,
accarezzate ogni sera da un caldo sole di belle parole d'amore.
E le medicine erano caramelle da prendere dopo il caffè, non si andava a lavorare perchè tutto era bello, tutto come in una festa senza sosta.
Ed il tempo aveva regole diverse, potevi saltare in una pozzanghera e ritrovarti così tra le lacrime di tua madre che stava per lasciarti lì al mondo solo come un cane.
Se davi un calcio ad una pietra la vedevi salire fin sù al cielo oltre gli alberi per poi tornare veloce, di fuoco, e se esprimevi un desiderio si avverava poi, all'istante.

Allora gli chiesi quale fosse un suo desiderio ricorrente.
E lui mi disse che da quando era in quel posto un solo sogno aveva sempre chiesto, l'unico che in quel mondo non si era ancora avverato.
Ma lui provava e riprovava.

– Un giorno- mi disse -si avvererà anche questo.
– Cosa desideri james? –
– Che il mondo in cui ci sei tu mi faccia dormire per sempre –

« Santiago.
Il volo della vita »