Jonas 14 novembre 2010 – Posted in: splinder – Tags:

Il suo destino era stato scritto solo nell'ultima pagina e per un gioco di scartoffie e di disordine lui, jonas, lo aveva letto.
In che modo non si sa mica ma era così: sapeva il motivo per cui era lì a vivere.

Pochi anni e gia la morte davanti agli occhi, lontana o vicina lui la vedeva e ne portava il peso come se fosse l'unica cosa giusta ed ovva da fare nell'attesa del suo destino.

« Natalie
Mi abituerò »