Morto a metà 14 novembre 2010 – Posted in: splinder – Tags:

Non c'è dolore peggiore di arrivare vicino a qualcosa che si desidera da molto per poi, un attimo prima dall'averla, perderla.
E' la beffa del secolo, lo spettacolo di malignità più bello al mondo.
Geniale.

Prendi un uomo e la donna che ama, mettile la donna ad un passo da lui, ad un passo dall'averla.
E, in quel preciso istante, allontana la donna più che puoi.

Avrai un uomo morto a metà.
Morto a metà.

Così si sentiva Jack, morto a metà.

« Dentro questo enorme cuore
Anestesia »