Un passante… 15 novembre 2010 – Posted in: splinder – Tags:

Ho lasciato alle spalle le tempeste
ma ora sono costretto a tornare e vedere i relitti
e piangere le lacrime che ho sempre scacciato,
sono superstite della vita
e disertore della mia battaglia privata
ho e mie colpe da criminale in fuga
sebbene io abbia sofferto per il peso di queste catene
che legano i miei piedi e le mie mani
e la mia mente e questa anima sempre ancorata al ricordo della strada da poco superata.
Non c'è passo che io faccia senza il peso di quelli già fatti
aspetto solo il riposo
dopo tutto lo sforzo
ma il riposo non arriverà mai per sempre
solo una pausa tra una camminata e l'altra
sperando in una fonte d'acqua fresca
in una grande e comoda pietra
e magari in un passante pronto a farmi ridere un pò.

« Frutto della mia mente
Ritornare a suonare… »