La più dolce delle disfatte… 30 novembre 2010 – Posted in: splinder – Tags:

Di quando la magia ci prese un giorno e ci portò via da questo mondo, nell'irrealtà del tempo che scorre veloce senza sosta,
nelle notti sudate e rapide
tra una mano che stringe l'altra ed il respiro unito.
Di quando un uomo perse il senno e la ragione e si fece sconfiggere dall'idea malsana e deliziosa di baci maliziosi e parole infinite dette con te, a te ma soprattutto di te lasciandosi ammaliare dal mondo tuo sempre diverso,
sempre più grande,
sempre più bello.
Di quando un giorno mio divenne anche tuo senza pensarci troppo come quando fuori piove e quell'acqua è ormai entrata nella tua vita, senza tregua e senza inganno sta lì che scende imperterrita e tu lo sai.
E un pò ti piace.

E' un infiltrarsi giorno dopo giorno nei miei vestiti, nella mia pelle e nei miei giorni come la nebbia sul lago al mattino, come l'acqua nelle pareti, come lo sguardo tuo dentro i miei occhi che solo possono guardarti e lasciarsi prendere alzando la bandiera bianca della sconfitta.
La più dolce delle disfatte.

« Aria…
In pace e serenità… »