Sparare 6 gennaio 2011 – Posted in: Leandro.

 

– La bellezza di un proiettile non è nel buco che farà nella sua testa, Frank –
gli disse Jonas guardandolo negli occhi.

– Cazzo dici, Jon? Se io sparo è per colpire. – 
rispose.

Jonas scosse la testa e gli si avvicinò con estrema calma, gli poggiò due dita sul mento e lo fece voltare verso il mare.

– Sparare per l'ebrezza dell'attesa che il proiettile arrivi a destinazione e per l'ansia di premere il grilletto, vecchio Jack.
Come la vedi tu, Jack –
ripeteva il nome dell'amico, sapeva di dargli fastidio

– sparare al mare non avrebbe senso.
Ma di senso, invece, ne ha molto.
Io sparo verso il mare e aspetto che il proiettile arrivi, da qualche parte arriverà, e non cerco un fine nè una meta, ma solo lo sparo.
Non è importante ammazzare qualcuno, ma sparare.
Ricordarmi, ancora una volta, che io sparo.
Spara per me, Jack, non baderò a cosa colpisci ma al gesto che stai facendo.

Come una diga terrò finchè posso per non cedere.
Cedere, sarà la mia dolce fine.

« L’arma più forte
La sabbia »