La sirena 25 gennaio 2011 – Posted in: splinder – Tags:

Giocavo al gioco del chiudere gli occhi e sognare cercando di salvarmi, come tutti voi.
Giocavo al gioco di non pensare cercando di andare avanti, come tutti voi.
Nell'immenso mare in tempesta io ho galleggiato ad occhi chiusi mentre altri sbracciavano urlando, io silenzioso semplicemente galleggiavo.
Mi sono lasciato portare dalle onde e da questa tempesta,
la pioggia mi ha rabbrividito e queste acque mi hanno fatto da letto durante questo lungo sonno.

Dove si trova la forza, sirena che ora mi guardi felice aspettando che nuoti, dove la trovo la forza per venire da te.
Tu mi guardi e sei bella e porti con te il sole, tu mi guardi e sei bella e porti con te il calore.
Mi asciughi i capelli e mi accendi gli occhi, sogno guardandoti e mentre nuoto.
Ma dove la trovo la forza per venire da te, sirena?
Tu mi guardi e apri le braccia aspettandomi, io nuoto e nuoto e nuoto ancora, fino alla fine.
Nuotare è la mia legge, nuotare è la forza del mio amore.

« Ma la pioggia cade…
Basterebbe un faro »