Lettera da un blog 31 gennaio 2011 – Posted in: splinder – Tags:

Ehi, alla fine ritorni sempre qui e tu lo sai,
ed io lo so.
Sono la tua casa sterilizzata, quella fredda e gelida che cambia musica quando e come lo dici tu.
Sono bianca e pulita,
mi incanto con le tue belle parole,
sono l'amico che ti capisce e che ti dà spazio,
sono parte della tua vita e del tuo cuore,
quando non batti tu, batto io.

Ti ho visto negli anni barcollare tante e tante volte,
e alla fine sempre ritto ti ho trovato al mattino,
con quei capelli dalla forma del cuscino,
morto dentro ma ancora vivo.
Hai ancora mille sogni dentro ed io lo sento,
non stai spirando ma evolvendo,
allora ti guardo e continuerò a farlo,
accumulando giorni e mesi,
facendomi guardare,
facendomi avvicinare.

« Quello che non sogni
La luce »