Sei la neve. 23 ottobre 2011 – Posted in: splinder – Tags:

Allargò le braccia ed inizio a camminare guardando in alto,
nel cielo nuvoloso e pieno di pioggia,
grigio e pronto a sparare.
O pioggia, pioggia amica mia, scendi ora su di me.

Io non ti ho dimenticato mio piccolo amore,
ti tengo dentro al caldo e ti riparo da questo freddo gelido.
Perchè ancora tutto qui parla di te,
ed ovunque io possa girarmi vedo me,
ed al mio fianco ci sei anche tu.
Sono abituato a scappare, 
a rimanere solo,
a scrollarmi di dosso le persone come si fa con la neve quando nevica.
Ma tu rimani qui,
sei parte dei miei vestiti,
delle mie difese.
Tu non sei fredda neve che vola via,
tu entri dentro e rimani,
come una bolla di vetro dove,
scuotendola,
inizia magicamente a nevicare.

« Le mie catene
Quanto pesano le parole? »