Una vita da scavatore. 29 febbraio 2012 – Posted in: Ricordi – Tags:

Passo dopo passo suono su questi immaginari ed infiniti tasti d’avorio sulla mia strada,
percussioni sono le mie mani che ticchettano sui jeans troppo usati.
E’ una vita di scavatore questa, a far fossi enormi per buttarci dentro immondizia di sogni;
coprire tutto poi, senza capire, senza pensare, solo coprire e cominciare da capo.
Questo è il lavoro da compiere.

Non basta un barlume di verità per rispondere ai perchè,
c’è solo una musica lunga una vita da suonare su infiniti tasti,
e infinite sono le musiche,
infiniti gli strumenti;
scomodi i desideri.

Allora ritrovo i miei tasti, salto da uno all’altro e cerco sincronia con le emozioni.
Non la trovo, ma la la musica è bella ed io continuo.

Do Do Re Mi Fa – Do Do Re Mi Fa

Questo è il passo dello scavatore.

« La diplomazia dei sentimenti
Il san(t)o parlare come regalo… »