Ragionevolmente me. 11 giugno 2012 – Posted in: Leandro.

Vivere di codici tutto il giorno,
di silicio e frequenze radio.
Costruire opere d’arte dal niente,
inventarsele in un giorno di pioggia e sistemarle ben bene per qualcuno.

E’ questo uno dei molti aspetti che una vita può racchiudere,
che una persona nel suo intimo conserva e se ne vanta.
Ma quanto vale un vanto che nessuno di chi ti è intorno comprende?

La vita per me è stata una corsa,
fai gli esami,
studia,
monta,
programma,
costruisci,
vola di qua,
vola di la,
scommetti.

Qualcuno ci vede quello che ci vedo io nei miei passi?

La tristezza ristagna quando nei propri passi nessuno di chi vorresti ci vede quello che vedi tu.
E non esiste focolare domestico accogliente abbastanza per abbracciare il mio punto di vista,
non perchè non ne ho uno,
ma perchè forse è brutto o troppo lontano da quello che vedi tu.

« Il lungo addio.
Santiago »