Meglio dei fazzoletti e della carta igienica. Dei pannolini anche. 20 febbraio 2013 – Posted in: Me

Nella filiera dell’usa e getta ci sono cose stupende,
da bambimo ci sono stato diverse volte e mi innamoravo di ogni singolo prodotto.
C’è la macchina fotografica che fa le foto e alla fine ti ritornano solo quelle così che devi prendere una, nuova, che non è più quella che avevi usato prima.
Ci sono i fazzoletti, i miei preferiti, che ti ci soffi il naso e poi li butto: ogni volta ne hai uno nuovo e di un gusto diverso, che sia balsamico o meno son proprio geniali.

E poi le posate, geniali!
I piatti, i bicchieri, i cd-rom e le lamette!
No, io le lamette usa e getta le amo, ge-nia-li: le compri e le usi e per la prima volta vanno un’amore.

Le lamette bic come me nascono dalla filiera dell’usa e getta.
Le amo perchè hanno qualcosa in comune con me.

Ci comprano, ci usano la prima volta… poi non si sa perchè,  non ci buttano via.
Le persone un pò si affezionano e un pò ci vogliono usare fino alla fine, specie come quelle lamette che hanno la striscia di gel che finchè non finisce è proprio un crimine buttarle, anche se bsogna poi fare mille rasate per tagliarla tutta sta barbaccia brutta.

Io nella filiera dell’usa e getta ci sono un pò nato,
è una sensazione strana fare la persona usa e getta,
la gente ti guarda e ti sorride,
costi poco e il tuo lavoro alla fine lo fai con onore,
ma alla fine, sempre alla fine, inesorabilmente ti buttan via.

 

Si intenda, sempre meglio dei fazzoletti o della carta igienica.
Ah già, dei pannolini anche.

« Un giorno lontano ti ho vista, rubavi colori al mercato dei canditi.
Verso di me »