Come acqua. 31 marzo 2013 – Posted in: Leandro.

Sono fantasma,

sono buffone di corte

sono pena e dannato

sono spada e fodero

condottiero e cavallo

principessa e principe.

Mi modello all’esigenza, mi piego alla forza esterna, non mi spezzo mai nè rimando indietro come elastico.
Assorbo il mondo con le sue increspature. Giro le spalle alle salite piu dure.
Non sorrido, mai, se non dinanzi al buono.
Cerco calore ovunque ma trovo effimera serenità. Sono come acqua che scorre, che si adagia ai sassi e alla riva, che crea un letto dove dormire scorrendo per il mondo finchè un bicchiere ne prende un pò e si fa bere.
Attraversa corpi, montagne e rivoli ghiacciati.
Infine scappa, sempre, fino al mare piu vicino per confodersi, più che può, nella mischia.

 

 

« E cadi. Di nuovo.
Ridateci i sogni. »