Un posto con regole indicibili 9 giugno 2013 – Posted in: Me

Stizzito mi alzo e guardo all’orizzonte
cerco un luogo sconosciuto e lontano
protetto dagli sguardo indiscreti
dove mettere in fila i difetti
e giocarci a dama.

Mi spoglio e rimango nudo
come quando facevo il bagno
nella vasca enorme e rosa
in una città troppo ampia
in un tempo di solitudine.

Cerco un posto con regole indicibili
dove lo sguardo è segreto
dove il ballo è silenzioso
dove la fragilità è concessa
dove la solitudine è leggera.

 

 

Foto.

« Equilibri (non) precari.
Del primo sangue dal naso, amori d’infanzia »