I soldi in tasca. 19 agosto 2013 – Posted in: Me

Domandarsi l’esistenza dell’adattabilità dei partner alle tue esigenze,
rispondersi che tutto fa brodo purché si viva dignitosamente,
purchè ci si senta a proprio agio, sempre.

Ma, forse, il problema è un altro:
chi ci darà l’agio tra le onde di un oceano solitario?
I naviganti scelgono una stella ed un mare per poi andare,
e andare,
e andare,
e andare.
Ma, se scelgon mari piccoli divisi in due chi può dire loro che proprio in quel mare ci sia qualcuno,
proprio in quel mare ci sia Eldorado,
proprio in quel mare ci sia un’India che poi India non sarà?

Io non lo so,
intanto mi son perso la stella,
mi son perso anche il mare,
e persino le false Indie.
Eppure i soldi in tasca li avevo, giuro, li avevo.

 

« Piove su di me.
Le mie ragioni. »