Ho visto la taranta. 26 Agosto 2013 – Posted in: Me

E’ stato come fare un bagno, immerso tra parole urlate al cielo e respiri affannati e occhi stanchi, molto stanchi.
Io gironzolavo guardingo, distante da ognuno di loro eppur vicino, come non mai. Ho visto donne bellissime, ho visto uomini nudi, persino il fuoco danzava con tutto loro, insieme, come un organo unico.

Non mi ha morso per poco, la taranta.

L’ho vista pizzicare donne con gonne lunghe e uomini sudati, curati poi dall’immane male a suon di musica tradizionale. L’ho vista girare tra collassi, urla e polvere grande come montagne a far da sfondo al ritmo e alla vita, pulsante, questa, come la vena che mi porto sulla fronte nei giorni di emicrania.

 

 

 

« Terremoto.
Il volo pindarico. »