Silenzio stampa. 23 settembre 2013 – Posted in: Me

Ho cercato parole un pò ovunque, nelle tasche dei calzoni usati alla comunione, nel panciotto di mio padre, nel maglione di mia madre. Nulla, persino nel sorriso degli amori perduti, negli occhi di figli mai avuti: nulla.
Mi hanno preso per la fame, mi hanno lasciato sola ed affamato di compagnia. I grandi amori si conquistano così, con la lotta interna dell’anima.

E lo stomaco che brulica a darti gli ordini,
e la debolezza della mente e del cuore a ricordartelo,
i baci erano troppo belli per dimenticarli,
gli abbracci ti fanno sudare dopo 5 giorni di assenza.
E’ una dorga questa compagnia,
e’ una droga la tua presenza
ma non cederò per fame o per solitudine,
no, io cederò per il sangue.

« Catarsi.
Ostinatamente stringo i denti. »