Camere sterili. 13 ottobre 2013 – Posted in: Leandro., Luci, Ricordi – Tags:

Si è rotto qualcosa nella lotta continua tra i mille volti anonimi che compongono i tasselli del puzzle che vivo quotidianamente: la colla perde di aderenza e cadono i pezzi dal quadro composto con il tempo ed i sorrisi. Ho cercato le crepe nel muro, senza trovare altro che stucco coprente e chiodi spezzati. Ho cercato solchi salati di lacrime ormai asciutte senza trovare altro che sorrisi piazzati, calibrati da esperta maestria: artigiani che da una vita vendono gesti inoffensivi a cattivo gioco. Sono andato in giro per la casa delle urla, tra litigi familiari e debiti insoluti, senza trovare un accenno di odio e d’amore, nessuna emozione mi ha preso alle spalle né di petto.

E’ una vita chirurgica tra sterili letti dove fare l’amore con unghia pulite, disinfettate da ogni nero possibile. Non c’è terra ma pulito plexiglass, non c’è affanno ma cuori di piombo. Non ci son lacrime ma occhi di vetro bellissimi, verdi e celesti a seconda del tempo e della moda.

 

« Lasciarsi andare
A pagamento. Tutto. »