Bisogni. 25 dicembre 2013 – Posted in: Me – Tags: ,

Ci si guarda intorno spaesati tra puzze natalizie e un freddo boia: troveremo mai, tutti noi, giacche giuste per i nostri corpi inerti?
Mi dimeno in funi legate troppo strette, sotto soffi gelidi che sferzano il viso mentre corro lontano da questo palazzo in festa ormai fradicio sin dalle fondamenta. Non ci sono abeti che tengano all’acidità di stomaco che rosica da dentro in notti silenziosa stuprate dai botti in calore.
E allora mi appoggio su guanciali fin troppo consumati, cerco di chiudere gli occhi e far passare un mal di testa fin troppo presente: lasciatemi andare, sprofondare, fino al prossimo natale, fino ai prossimi ricordi, fino al prossimo ciclone che verrà prendendo tutto.
Verrà, farà volare le carte in tavola in un poker con lupini, e andrà via: propio come fai tu, lontana, in questo inverno.

« Giada (Coperti da polvere).
Cristina. »