Ossigeno. 28 dicembre 2013 – Posted in: Me – Tags:

Ho sentito mancarne un pò quel giorno di novembre, tra un soffio di vento ed una foglia cadente, mentre Roma viveva intorno ed io riuscivo solo a sentirmi pieno. Passerà l’autunno, mi sono detto,  mentre con le preoccupazioni girovagavo tra i quartieri cercando di calpestare piccioni e pensieri in un colpo solo.

Ed intanto piove, ogni goccia entra ed esce da queste mani ed io mi inzuppo: il corpo e l’anima.

« Fragile silenzio.
Giada (Coperti da polvere). »