Cercarsi. 4 gennaio 2014 – Posted in: Me – Tags: ,

Siamo tutti un dolce spettacolo, ci proiettiamo su schermi personali ed autogestiti per guardare in alta definizione le nostre piccole ed insulse imprese. L’ho capito mentre compravo i pop-corn e sceglievo quel posto all’ultima fila, guardiano del silenzio e dell’ordine in un cinema non solo vuoto ma freddo.
Arrabbiato, ho chiesto spiegazioni al proprietario che mi ha risposto secco, con frustrante schiettezza – “Se non vengono i clienti, tanto vale non riscaldarlo”. Allora ho capito qualcosa, che poi è una cosa semplice da ficcare in qualche frase o proverbio. Ho capito che non serve un cinema per osservarsi, per contemplare la bellezza insita in ognuno di noi.

Ho iniziato a cercare un nuovo posto, un nuovo modo per capirmi, per ascoltare i tempi di questo battito cardiaco, i modi di questo vivere: inizio a cercarmi a poco a poco, come si fa con i fuggitivi.
Inizio dalle mie orme, prima o poi mi troverò.

 

« Aurora (Storie interrotte).
Solitudini (s)forzate. »