Gli anni come i secondi. 24 gennaio 2014 – Posted in: Luci, Me – Tags: ,

Li ho sentiti scivolarmi addosso come pioggia calda d’estate tra la polvere degli orologi che caricandosi da soli segnano orari in maniera diversa: sono io a remare in questa barca o sono i flutti del tempo a portarmi dall’una e l’altra sponda? E pensare che sorridevo al solo pensiero di sentirmi arenato su di una sponda troppo sabbiosa per uno come me che cerca l’orizzonte più della bellezza, l’avventura di stare al freddo più del tramonto stesso, la scena vittoriosa di una storia di duelli e infamia più dei piccoli personaggi che si agitano cercando di lasciarti qualcosa oltre la vittoria infausta.

Cerco calore in una barca agitata che scende giù per un fiume in piena: sarà il tempo a portarmi via da tutte le cose da conoscere.

« Amore post-moderno.
Piccole follie tra nemici. »