Amore post-moderno. 26 gennaio 2014 – Posted in: Leandro. – Tags:

Ci siamo scambiati titoli universitari e coordinate bancarie passeggiando tra il traffico di una città eterna cercando di non essere investiti dalle crisi immobiliari: vivremo insieme per giorni consumandoci lentamente mentre tutto fuori corre senza sosta fino al prossimo week-end. Ma ora mi lascio andare provando a bere due birre leggere ed un rhum fin troppo invecchiato così da provarci un pò con te, come con tutte, e riempire il mio piccolo ego di simpatiche battute a sfondo sessuale. Sei il mio passatempo, sei il coraggio che mai avrò, sei la vita che voglio rubare a qualcuno per una notte di insicurezze prima che un paio di seni più grandi, forse più belli, mi prenderanno l’anima a forza di sguardi.

Amore, amore mio – urlo disperato nel bagno sporco di una casa universitaria sempre sveglia, sempre viva. Sempre. – amore mio riempimi il tempo libero con tutti gli avanzi della domenica.

 

 

 

« Amanti (nel nulla).
Gli anni come i secondi. »