Amanti (nel nulla). 29 gennaio 2014 – Posted in: Me – Tags:

Ti ho amata attraversando strisce pedonali cancellate, su una strada alla fine di un ponte trafficato.

Volevo baciarti,
stupido,
sotto l’insegna pubblicitaria dell’ultimo cinepanettone.
Morimmo insieme nel freddo inverno mentre il sole calava su un cimitero antico più dei nostri nomi, dei vecchi con la pelle raggrinzita, della passione arcana che ci prese un giorno di tanti anni fà. Non capirò mai la fine dei giorni e di questo tuo ridere felice, conserverò i maglioni caldi che hai lasciato prima di andare via spruzzando di tanto in tanto un pò di quel tuo profumo vecchio e smielato.

Mentre trovo ispirazione in canzoni d’autore,
in Bruno
e nell’ingiustizia di stare l’uno al posto degli altri,
rivedo le foto di uno spirito passato veloce quanto le auto in corsa in questo circuito strano tra un colosseo ed una cupola enorme.

 

ph.

« Girotondi in(felici).
Amore post-moderno. »