Spremuti (Di gomitoli e altra roba folle incomprensibile). 7 Febbraio 2014 – Posted in: Me – Tags:

Sono persona spremuta in un succo di qualcosa al bar economico nell’angolo lercio di una città deserta: decadente non come d’annunzio ma solo come lo scoraggio di giorni assonnati susseguiti da altro sonno, altri giorni, sempre più assolati, sempre più veloci. Ho messo sulle spalle lo zaino della rabbia e dell’irragionevolezza, mi sono voltato più volte per non vedere i padroni urlami ordini addosso senza capire che l’unico padrone da cui scappo sono io, l’unico peso è il mio grasso che si accumula sulla coscienza sporca di intrighi personali: gomitoli troppo arruffati da poterci giocare.

« Spia-cente.
A tratti è normale. »