Elettra – Donne fragili(?) 21 febbraio 2014 – Posted in: Donne – Tags: , ,

Mi muovo con passi sinuosi nella stanza di cera tra gingilli di feste ormai andate, cerimonie bellissime in cui ballavo destreggiandomi tra gli invitati. Sono caduta un giorno di ottobre lasciandomi alle spalle cocci e pezzi di vetro che riuscivano solo a ferire, a tagliuzzare ogni anestetica emozione in pezzi di ilarità perduta.

Sono morbosa il giorno di pioggia, pacata quando c’è sole, instabile tutti i giorni. Con i miei rayban giro per la città in metro guardando i volti dei turisti pieni di crema solare, allungando le dita sui passamani delle scale mobili per poi pulirmele anche se non sono nere, anche se tutto va bene.

Sono stanca, stanca di questi indomiti uomini che poi sgonfiano ogni promessa di pace dopo la prima notte di nozze senza fede: eppure li guardo con dolcezza, eppure scappano via senza che io voglia dire altro che ciao. Sono stanca perché le stagioni si susseguono, perché il mondo è grande ed io sono qui, ferma, ed ho sete. La mia pelle andrà man mano arricciando, si riempirà di rughe, ed i miei pensieri si arricchiranno anche se forse interesseranno a pochi.

Non voglio evadere, non voglio distrazioni, voglio solo fare i miei passi scoprendo bellezza. Un pò qua ed un pò là. Bellezza, è difficile davvero?

« Famiglia Falso(sé)
Resoconti di vita parte 2. »