Falsità. 1 marzo 2014 – Posted in: Donne, Leandro., Luci, Me

Vedo falsità negli angoli di strade abbellite, tra i volti delle persone annoiate, nelle bancarelle di una piazza sempre meno affollata. Ripetemmo ina una dolce preghiera di proteggerci nonostante tutto, di non abbandonarci a noi stessi e ma specialmente al mondo: siamo qui a mandarci segnali di fumo come patetici clown ridotti al mutismo di sopravvivenza.

Correrò tra questi prati di plastica appoggiandomi poi su cuscini di pietra, su letti di rovi, su divani gelidi: sarà scomodo il mondo da teatro, quel parallelismo che arte non è di sicuro in cui tutto è scena di qualcosa palesemente vivo ma da tenere nascosto. E’ un gioco brutale quello del nascondino in un mondo di specchi, senza mura per proteggersi o nascondersi davvero, senza il coraggio di dirsi “ti vedo”.

Ma ora taciamo tutti, dal primo all’ultimo, dopo questo breve sfogo di attore ferito inizia lo spettacolo, il primo tempo è andato liscio come l’olio, mancherà la fine prima di andare tutti felici a casa con la pancia piena di popcorn e l’amore dimenticato, abbandonato, assieme al contengno, il buon senso, e la mera sincerità che fa da titolo a questa sceneggiatura.

« Matrioska di destinazioni.
Carnefici interiori © . »