Come formiche nel pieno della non giovinezza. 11 marzo 2014 – Posted in: Leandro., Me – Tags: ,

Forse si tratta solo di accettare questa pioggia acida che scende e picchia, costante, sul tetto amaro delle nostre paure. Ricordo Sarajevo nelle notti d’estate, quando eravamo puliti ed il futuro era oltre quelle mura: bisognava solo prenderlo, afferrarlo come le lucciole in un giardino in festa.
Fabbricheremo ricordi per l’intera vita per poi mangiarli come formiche nel pieno della non giovinezza.

« Fingere di.
Lù. (Di cuori umidi) »