Tanto amore (ma per chi). 22 Marzo 2014 – Posted in: Me – Tags:

Toglimi la solitudine di dosso come si fa con la forfora sui vestiti, stringimi forte fino a togliermi l’aria per poi diventar rossa e svenire tra le tue braccia. Cerco una pelle nuova dopo la muta invernale, dopo i dolori d’amore. Cerco equilibri nuovi dopo incognite emozioni, patetiche delusioni.
Cerco la solerte bellezza in attimi burrascosi mentre commetto furti alla vita, alla pace e tutti i loto cari amici rischiando di rimanere unica in questo mondo sabbioso e caldo: peccato non ci sia il.mare.

« Il tuo profumo
Quattro chiacchiere con la vita (Chiara) »