Di generazione in generazione. 20 aprile 2014 – Posted in: Me – Tags:

Forti dei nostri mandati familiari giriamo per le strade con enormi ombre nere così da spaventare i bambini e le anime pure. Tristi dormiamo in letti fin troppo stretti per la nostra età, fin troppo freddi per il clima di terrore che abbiamo creato.
Non ci saranno occhi celesti a guardarci correre tra i prati
né miti su cui poggiare le nostre aspettative da bravi ragazzi
ma solo sorrisi distesi e mani aperte ad aspettare di avere la meritata ricompensa in denaro.

O in sangue, non fa differenza.

 

 

« Cerchi nel tempo.
Muretti. »