Bolle di sapone. 21 aprile 2014 – Posted in: Me – Tags:

Mi dirò dolci parole allo specchio giocando al re e alla regina, vestirò di oro e di argento urlando di tagliar teste in giro per i corridoi infiniti di questo castello di carte. Chiederò al mio specchio se sono il migliore, se posso bastare, mentre i sudditi bruceranno vivi ed io inizierò a volare dopo il soffio brutale delle tue labbra stanche di piccoli teatrini scaduti.

Guardami volare alto
guardami librarmi nell’aria
mentre sola ti tocchi le unghie
deboli come sempre
belle come non mai.
Guardami volare alto,
più alto del cielo
mentre sola mi chiedi i motivi
ed io ti rispondo in rima
lasciandoti sola una notte in più.

Guardami alzarmi in volo mentre ti prendo in giro come un buffo giullare, mentre fingo tra maschere e tamburi di essere ciò che cerchi per consolarmi del tuo sorriso, per sentirmi adeguato, per sentirmi stabile al tuo dolce svenire mentre ti bacio la mano ed il braccio nascosti dal tuo stupido pudore.

« Tutti uguali.
Cerchi nel tempo. »