Messaggi in codice (inesistente). 19 Maggio 2014 – Posted in: I due, Me – Tags:

Ti vedrò urlare camminando quieta tra le strade di quartieri deserti e penserò che mi pensi, che mi senti girarti attorno come iena affamata mentre tutto il mondo pulsa e le persone si affanano sempre di più. Partorirò sogni impossibili mentre dannato mi lascerò guardare senza muovermi, senza accontentarmi di niente: neanche di me.
Finirà mai questo gioco di odori e di lame affilate?
Incontriamoci lì dove vuoi, senza armi né pretese, senza attacco né fuga, solo noi due: poi scapperemo di nuovo, lo giuro.

« Il peso specifico (delle responsabilità).
Setting cittadino. »