Dannazioni estive. 25 Luglio 2014 – Posted in: Donne, Me – Tags: ,

Sento il fiatone, l’affanno, il cercarti e il correre dietro ad ogni tua scia di profumo, ad ogni tua parola.
Vedo i visi tristi dei fallimenti a bordo di eurostar pieni di amicizie e sabbia da portare all’amico restato a casa, all’amore che non tornerà più.  Ma non ricordo il tuo nome, non ricordo il tuo volto, non ritrovo le monetine del week-end per poter ricomprare la birra, la memoria e questo tuo aggrapparsi alla vita che mi fa tanto abbaiare, tanto mi fa irritare.

E mentre il mondo scivola nello spazio pubblicitario io butto via i legami scaduti dal frigo, assaggio quel che rimane di un’amicizia antica e lecco le dita quando passo su un ricordo che sa di sudore e sussurri.

 

« Clara (Foulard come corde).
Cosa rimane. »