Elisabetta (Per non farsi del male). 28 luglio 2014 – Posted in: Donne – Tags:

Mi giro e mi rigiro in queste vesti fasulle, senza trovar pace nei movimenti perfetti, senza trovare luce nelle labbra che poggiano sul vuoto ma solo sentendo i pesi che porto elegantemente tra le strisce pedonali ed i sanpietrini di questa città.
Aspetterò che sia troppo tardi per tirare il fiato ed uscire da questa apnea di sacrifici scomodi e doveri preistorici, troverò la forza di dire basta il momento dopo aver finito, prenderò il compenso in ritardo e sorriderò ad ogni offesa, ad ogni sputo tuo che mi odi e vai via.

Guardami mentre monto le mie maschere di cera, amami mentre dipingo con le dita sorrisi flebili e rimetto in sesto il rossetto rosso ormai sbavato dalla rabbia non urlata, dalla rabbia che mai è bastata.

 

« Di oceani lontani.
Elena (Di città abbandonate). »