Amori estivi (Di Angelo ed altre cose). 4 Agosto 2014 – Posted in: Me – Tags:

Mi chiedi come sto ed io mi chiudo come un riccio spaventato,
senza farti entrare,
senza farti sbiarciare.

Il sole batte su questa pelle accaldata e noi ci abbandoniamo al tempo estivo come note nuove e distanti, come ombrelloni volanti al primo vortice di aria e sabbia portato fin qui dal vento del marocco che è proprio qui vicino.
Angelo, che sei il mio dolce amore, dimmi i balli che mai faremo al bordo di questo oceano mare che non si ferma un istante.

Dimmi le parole che mai ci diremo ora che sei andato via e mi hai lasciata sudata su un letto di rose e solitudine, su una foglia d’argento dalla quale dicevi di voler bere per anni.

« Bandiere scolorite.
Mettere in fila le briciole (Anna). »