Compendio all’amicizia (Di sostegno ed altre cose utili). 24 Agosto 2014 – Posted in: Me – Tags: , , ,

Amici, amici miei, che mi guardate andare chissà dove, tenetemi in caldo gli sguardi d’intesa mentre macino i chilometri altrove ma pur sempre vicino, pur sempre in armonia con quello che mi tocca e mi sostiene. Tenetemi in frigo le birre e le discussioni infinite, scongeleremo le incertezze insieme per arrostirle in un falò enorme fatto di piccole conquiste, soddisfazioni e racconti decennali.
Ma ora, che il mondo si rilassa su di me come il mare con le onde di notte, mi chiedo quanto conserveremo di questi passi e quanto gli stessi peseranno sul groppone del mondo, sulle tradizioni dei futuri noi, sulla cultura del rispetto e dell’amore, della rabbia costata cara a pochi di noi ormai lontani, privi di posto, alzati in un pullman troppo stretto per starci tutti: ma tranquilli, stringendosi ci stiamo tutti lo stesso.
Non c’è molto da dirsi negli sguardi antichi
quando con sé stessi ci si sta bene e con gli altri anche:
siamo abili a darci sostegno per il quotidiano divertimento
mentre creiamo ripari artigianali in cui stare tranquilli,
con i propri carillon,
a girarli e farli suonare ripetutamente.

Affittasi persone, componenti sostituibili di gruppi indecisi, di alchimia forgiata tra vicoli e antipatie: tenuti bene, benissimo.

« Bea (Della mia pelle che va via).
Del mare, dei gruppi e delle spese. »