Bea (Della mia pelle che va via). 27 agosto 2014 – Posted in: Donne, Leandro., Luci – Tags: , ,

Vanno via le persone, come questa pelle secca, sotto i colpi del tempo e del sole che sempre più si accascia all’orizzonte.
Mi richiamano gli orchi e le streghe per i quotidiani servigi,
scappo dai domatori di leoni e da voi che volete esperienze a portar via,
che non mi guardate,
che non vi interessate.

Brucerò i vostri libri come Julian ha fatto con i suoi: non vale la pena arrendersi alla realtà mentre i vostri sorrisi feriscono e mi lasciano attonita, sempre più, dall’alto di questo bruciare continuo in fantasia e sogni, in storie impossibile che non si lasciano nemmeno pensare.

« Di nuovi colori e grattacieli bellissimi.
Compendio all’amicizia (Di sostegno ed altre cose utili). »