A spiegarti i legami, le distanze ed i riflessi. 25 Settembre 2014 – Posted in: Me – Tags: , ,

Impareremo l’arte di sfuggire alle prese altrui, saggi di una tradizione che viene da lontano che ha il sapore della polvere nell’aria, della paura sulla pelle che scende come sudore davanti alla prima promessa, alla prossima aspettativa.
Non siamo buoni a far coppia, non siamo bravi a prendere mani calde per portarle in giro a passeggio per la città fiorente, per le strade pubbliche: preferiamo la notte, il silenzio, questa insensata voglia di velocità e vento.

Mi sussurrerai che è tempo di andare, che è tardi e tutto trema nella casa del ladro di emozioni. Ti spiegherò che non è un problema, che una sigaretta fa male solo a metà, che le mie bruciature non sono poi così diverse dalle tue.

Piccola iena, che giri intorno a carcasse nuove fatte di musica e incomprensioni, passa di qui appena hai fame: andremo a caccia insieme.

« Dei pachidermi in mezzo al traffico.
Spremuta di uomo: delle torte amare e delle fotografie venute bene »