Dove si lavano i panni sporchi. 2 ottobre 2014 – Posted in: Me – Tags: ,

Dovresti vedermi mentre lascio bollire l’acqua e stringo forte la macchinetta del caffé, mentre taglio la cipolla o sorrido all’ennesima t-shirt che ha perso colore, che non si è asciugata bene, che ha un buco vicino al collo.
E’ una guerra quotidiana quella che in casa combatto, è un confronto continuo con l’abitudine ed il divagare, con i voli pindarici e queste dita che veloci scrivono un flusso di coscienza sulla tastiera sporca, grassosa, piena di polvere.

Guardami mentre mi sveglio e scendo dal mio letto altissimo per poi addormentarmi sul divano in mutande, guardami infilare le ciabatte mentre in giro c’è un campo minato di converse e calzini, borotalco e lattine ci coca-cola finite piene di cenere.

E’ un tuffo nel caos, questo, ma ti mostro ogni giorno solo il meglio, solo gli scaffali ordinati: ma è proprio vero che i panni sporchi si lavano in famiglia?

« Degli attimi che rubo, dei ladri e degli occhi altrui.
Affitasi amore, rabbia e non so cos’altro. »