Limare gli sguardi. 25 ottobre 2014 – Posted in: Me – Tags:

Riscatterò le mie voglie sgualcite e camminerò più veloce solo per il gusto di sentire il vento contro il mio viso, si alzerà il fiato fino alla gola pompando qualcosa che non è sangue, non è speranza.

Tra i miei strumenti di lavoro ho sorrisi piazzati, frasi ad effetto e tante parole da riempire una capitale: questa notte non ci scambieremo la pelle, non ci diremo frasi tranquille, disarmate, solo per il gusto di lasciarsi andare a quello che potremmo diventare.
No, non sarò io a stringerti forte, ad elencare promesse sgualcite, a far rotolare i miei piccoli sogni tra le mani di chi vuole giocare un pò prima di andare a dormire, prima di riprendere le piccole corse quotidiane tra un tram gelido ed un’auto troppo scomoda per starci appoggiati.

« Supporti emotivi.
Strategie di una vita di stenti. – Introduzione, Pagina 2. »