Delle luci di una centrale. 30 ottobre 2014 – Posted in: Ebook, Luci, Me – Tags: , , ,

M’innamorai un giorno d’autunno mentre un clacson urlava agitato chiedendomi di attraversare veloce, senza darmi pace, senza rendermi l’aria che mancava: eri nebbia ed al primo sole iniziasti a sparire, eri mare e mi lasciasti annegare.

Non esistono frasi sensate per spiegare l’alito caldo sulla mia fronte, il respiro pesante in questo letto affittato, il tuo seno strano che mi guardava in attesa di baci insicuri che tardavano ad arrivare: eravamo amanti in divieto di sosta, cittadini nascosti in un teatro di burattini senza fili.

Prenderemo le nostre biglie per attraversare nuovi scogli: la nebbia ora è brina e domani raffreddore, non scappare via che a correre son migliore.

 

 

 

Questo scritto è parte dell’e-book gratuito “Mi stupisco di”

« Farsela addosso.
I segreti tra le mie righe. »